This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

valleimpianti

Home/Alessandro Valle

About Alessandro Valle

This author has not yet filled in any details.
So far Alessandro Valle has created 37 blog entries.

Da gennaio 2016 nuovi limiti di cosfi per le penali di energia sulle bollette energetiche

E’ pronto il tuo impianto di rifasamento per evitare le nuove penali dal 1 gennaio 2016?

Da gennaio 2016 per tutte le utenze industriali cambierà la soglia per il calcolo della penale per l’energia reattiva. Il valore del (cosfi) non dovrà essere inferiore a 0,95

L’autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha previsto, del 1 gennaio 2016, una variazione della soglia che determina i costi di penale per l’energia reattiva assorbita.  Questo soglia passa da cosfi 0,9 a  cosfi 0,95.
L’energia reattiva assorbita serve a generare i campi elettromagnetici necessari per far funzionare motori e trasformatori elettrici in corrente alternata. Non può quindi essere convertita in altra forma di lavoro e genera dispersioni di rete, per le quali il gestore addebita i propri costi derivanti sotto forma di penali

.fusion-button.button-1 .fusion-button-text, .fusion-button.button-1 i {color:#fff;}.fusion-button.button-1 {border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-1 .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-1:hover .fusion-button-text, .fusion-button.button-1:hover i,.fusion-button.button-1:focus .fusion-button-text, .fusion-button.button-1:focus i,.fusion-button.button-1:active .fusion-button-text, .fusion-button.button-1:active{color:#fff;}.fusion-button.button-1:hover, .fusion-button.button-1:focus, .fusion-button.button-1:active{border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-1:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-1:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-1:active .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-1{width:auto;}Contattami sarò lieto di analizzare la tua bolletta energetica e se necessario proporti una soluzione
By | 2017-03-15T14:18:14+00:00 novembre 29th, 2015|News|Commenti disabilitati su Da gennaio 2016 nuovi limiti di cosfi per le penali di energia sulle bollette energetiche

Cosa riesce a fare questa telecamera?

.fusion-button.button-2 .fusion-button-text, .fusion-button.button-2 i {color:#fff;}.fusion-button.button-2 {border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-2 .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-2:hover .fusion-button-text, .fusion-button.button-2:hover i,.fusion-button.button-2:focus .fusion-button-text, .fusion-button.button-2:focus i,.fusion-button.button-2:active .fusion-button-text, .fusion-button.button-2:active{color:#fff;}.fusion-button.button-2:hover, .fusion-button.button-2:focus, .fusion-button.button-2:active{border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-2:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-2:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-2:active .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-2{width:auto;}C O M P R A

“Guardate” è proprio il caso di dirlo:
E’ impressionante quante funzioni si possono ottenere da questo piccolo gioiellino.

.fusion-button.button-3 .fusion-button-text, .fusion-button.button-3 i {color:#fff;}.fusion-button.button-3 {border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-3 .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-3:hover .fusion-button-text, .fusion-button.button-3:hover i,.fusion-button.button-3:focus .fusion-button-text, .fusion-button.button-3:focus i,.fusion-button.button-3:active .fusion-button-text, .fusion-button.button-3:active{color:#fff;}.fusion-button.button-3:hover, .fusion-button.button-3:focus, .fusion-button.button-3:active{border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-3:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-3:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-3:active .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-3{width:auto;}C O M P R A

Una telecamera per la video sorveglianza:

  • Alimentazione Power over ethernet ( il solo cavo di rete funge anche da alimentazione).

  • Sensore di movimento ad infrarossi, la presenza di questo sensore  può permettere l’invio di notifiche al software di supervisione o al cellulare, oppure attivare dei comandi con i relè a bordo.

  • Altoparlante e microfono per comunicazioni audio bidirezionali.

  • Possibilità di inserire una memoria interna per video registrazioni.

  • Dove non è possibile passare il cavo di rete esiste la versione wi.fi.

chiedeteci maggiori informazioni, possiamo farvela provare

HIKVISION Cube: molto più di una semplice telecamera IP

 Vi presento la telecamera IP( Internet ProtocolI) modello  Cube. Queste nuove telecamere presentano varie novità tra le quali la presenza del un  led infrarosso e di un sensore PIR. Le telecamere modello Cube garantiscono immagini sempre a fuoco e di elevata qualità, anche in condizioni di bassa luminosità nella scena ripresa.

Sono presenti molte varianti della stessa telecamera, si possono avere nelle risoluzioni da 1.3Mpx e da 3mpx, tutte con sensore Progressive Scan CMOS a 1.3”. Il modello da 1.3Mpx, DS­2CD2412F-I genera lo stream principale a 25 fps. Il modello da 3Mpx, DS-2CD2432F­I genera lo stream principale a 20 fps. La sensibilità offerta da queste telecamere è di 0,01lux per le 1.3mpx e di 0,07lux per quelle a 3mpx. La caratteristica day / night a commutazione meccanica del filtro IR assicura un’elevata nitidezza dell’immagine sia a colori che in bianco e nero.

E’ integrato un obiettivo manuale da 4mm, con opzioni da 2.8 e da 6mm.

Tutte la gamma CUBE permette la configurazione di 4 zone di ROI (Region of Interest) permette una migliore codifica di parti statiche o dinamiche della scena ripresa. Questo permette un minor consumo di banda per le parti di immagine al di fuori delle zone di ROI configurate.Tutti i modelli, possiedono un ingresso di allarme per generare notifiche e/o attivare la registrazione, e un’uscita di allarme per attivare delle segnalazioni. La stessa uscita di allarme può essere attivata anche da remoto attraverso i software di centralizzazione per pc e mobile.

.fusion-button.button-4 .fusion-button-text, .fusion-button.button-4 i {color:#fff;}.fusion-button.button-4 {border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-4 .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-4:hover .fusion-button-text, .fusion-button.button-4:hover i,.fusion-button.button-4:focus .fusion-button-text, .fusion-button.button-4:focus i,.fusion-button.button-4:active .fusion-button-text, .fusion-button.button-4:active{color:#fff;}.fusion-button.button-4:hover, .fusion-button.button-4:focus, .fusion-button.button-4:active{border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-4:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-4:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-4:active .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-4{width:auto;}Scarica il Pdf

chiedeteci maggiori informazioni, possiamo farvela provare

.fusion-button.button-5 .fusion-button-text, .fusion-button.button-5 i {color:#fff;}.fusion-button.button-5 {border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-5 .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-5:hover .fusion-button-text, .fusion-button.button-5:hover i,.fusion-button.button-5:focus .fusion-button-text, .fusion-button.button-5:focus i,.fusion-button.button-5:active .fusion-button-text, .fusion-button.button-5:active{color:#fff;}.fusion-button.button-5:hover, .fusion-button.button-5:focus, .fusion-button.button-5:active{border-width:1px;border-color:#fff;}.fusion-button.button-5:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-5:hover .fusion-button-icon-divider, .fusion-button.button-5:active .fusion-button-icon-divider{border-color:#fff;}.fusion-button.button-5{width:auto;}Contattaci

By | 2017-03-15T14:18:14+00:00 novembre 3rd, 2015|News|Commenti disabilitati su Cosa riesce a fare questa telecamera?

internet delle cose

Internet delle cose, alcuni pensieri liberi: Penso che bisognerà imparare a convergere le spinte del mercato con le reali esigenze delle persone, in questa fase gioca un ruolo importante la grande fascia di “installatori” che in primo luogo devono sperimentare e verificare le funzionalità delle apparecchiature che la rivoluzione Internet of Things  ci offrirà. Nella maggior parte delle situazioni il plug end play è un miraggio, le nuove generazioni inoltre hanno (penso io) una seria difficoltà ad approcciarsi ai default tecnologici. Ci sarà bisogno di persone che sappiano Collegare fisicamente apparecchiature tra di loro ma anche collegare e modificare il modo di utilizzare le  apparecchiature stesse.

Bisognerà fare una grande lavoro di approfondimento, la potenzialità dell’ I o F è nel riuscire a semplificare e automatizzare dei processi  quindi obbligatoriamente si dovranno conoscere i processi in questione. Non dimentichiamo inoltre che l’accesso alla rete non è automatico e che ogni soluzione dovrebbe poter disporre di una alternativa di backup o diciamo pure “analogica”. Ancora potrebbero entrare in gioco quelle competenze dei Veri nativi digitali, ossia quelle persone della mia generazione che hanno vissuto l’evoluzione di Internet , non parlo naturalmente di nostalgia del us robotics ma di un approccio costruttivo all’evolversi di qualsiasi problematica.

By | 2017-03-15T14:18:14+00:00 luglio 9th, 2015|News|Commenti disabilitati su internet delle cose

La lampada all’essenza di Citronella

Questa è una piccola chicca per i vostri gazebo o ombrelloni fuori casa.
Si tratta di una lampada all’essenza di citronella. Il corpo gommoso emana un piacevole profumo, innocuo per l’uomo ma che risulta sgradito a molti insetti, per una protezione naturale dalle zanzare. Per colore rosa si consiglia impiego di lampade a luce fredda.

 

By | 2015-07-04T18:02:32+00:00 luglio 4th, 2015|News|Commenti disabilitati su La lampada all’essenza di Citronella

l’impianto elettrico a 360 gradi

I nostri impianti di allarme

I rischi di furto nelle abitazioni, negli uffici e nelle strutture produttive sono all’ordine del giorno.

Ogni uno di questi edifici presenta modalità di utilizzo diversi. Alcuni aspetti nella gestione degli impianti di allarme comunque sono comuni. In primo luogo e necessaria la semplicità di utilizzazione, qualsiasi impianto installato dovrà facilmente essere gestito, la modalità preferita ad esempio, per il comando di un impianto di allarme in una abitazione e sicuramente il TAG, si tratta di un piccolo oggetto comunemente chiamato “chiavetta” generalmente utilizzato come porta chiavi, questo oggetto contiene delle informazioni basilari, posandolo su un inseritore trasmette informazioni alla centrale per comandare l’impianto, questi oggetti sono economici, semplici e nel caso di smarrimento possono essere cancellati velocemente . Gli uffici o le sedi produttive prediligono la tastiera per il comando dell’impianto, le centrali da noi utilizzate dispongono di una tastiera evoluta, permettono la creazione di molti utenti e ogni utente può essere associato al proprio codice di accesso, gli utenti creati hanno delle impostazioni diversificate in base alla modalità di utilizzazione dell’impianto.
Proponiamo con notevole successo nei nostri impianti l’installazione di
radar perimetrali esterni, i sensori da noi installati usano la tecnologia ad Infrarosso che rileva il calore emesso dalle persone in abbinamento alla tecnologia a Microonda che rileva il movimento, queste due tecnologie abbinate permettono una diminuzione notevole dei falsi allarmi, come tutti i rivelatori da noi installati sono muniti di Anti mascheramento e quindi possono generare un allarme in caso di copertura dei radar con pellicole trasparenti o altri oggetti.

Chiedici un preventivo

By | 2017-03-15T14:18:14+00:00 giugno 29th, 2015|News|Commenti disabilitati su l’impianto elettrico a 360 gradi